Legge di bilancio 2020. Super ed iper ammortamento vanno in soffitta: saranno rimpiazzati da un credito d’imposta

Dal 1° gennaio 2020, gli incentivi fiscali a sostegno delle imprese e dei professionisti che investono nell’acquisto di beni strumentali nuovi cambiano veste e da maggiorazione della quota di ammortamento deducibile si trasformano in credito di imposta.

La nuova disciplina, introdotta dalla Legge di Bilancio 2020, sostituisce i benefici previgenti del super-ammortamento e dell’iper-ammortamento introducendo un credito d’imposta, con aliquota differenziata in funzione della tipologia di bene oggetto dell’investimento, utilizzabile esclusivamente in compensazione, tramite modello F24.

Il credito d’imposta spetta a tutte le imprese e, limitatamente agli investimenti aventi ad oggetto beni strumentali materiali “tradizionale” nuovi, in relazione ai quali in passato valeva il super ammortamento (ad esempio computer, stampanti, arredi e simili), anche ai professionisti.

Vale la pena precisare che la trasformazione del beneficio da super/iper ammortamento a credito d’imposta ha il vantaggio di includere tra i soggetti beneficiari anche i professionisti in regime forfettario (Legge 190/2014), prima esclusi dal super ammortamento.