Incontro al MIT sugli autobus. Servono risposte urgenti alla crisi del settore

Le imprese artigiane del trasporto persone ripongono grandi aspettative dall’incontro convocato il prossimo 8 giugno al MIT per affrontare il tema degli autobus.

Una convocazione attesa da tempo che ci auguriamo possa rappresentare un momento proficuo per acquisire risposte urgenti ed adeguate alle difficoltà che sta vivendo il settore. È quanto afferma in un comunicato CNA Fita.

Tutto il comparto della mobilità sta soffrendo, ma quello degli autobus è il segmento che sta risentendo oltremodo degli effetti negativi da COVID-19 a causa del tracollo vertiginoso della domanda, dovuto alle restrizioni degli spostamenti delle persone.

L’annullamento dei viaggi di istruzione, la sospensione dei trasporti scolastici, la paralisi delle crociere, delle manifestazioni sportive e più in generale di tutta la filiera del turismo, sta bloccando il 90 % delle attività di trasporto connesse. E per la loro ripartenza, oltreché incerta nella misura, si dovranno ancora attendere mesi. In particolare per i trasporti scolastici, che si legano all’incognita della riapertura delle scuole a settembre e le cui imprese oltre al danno si sono ritrovate beffate nell’ultimo decreto dal mancato riconoscimento dei corrispettivi previsti nei capitolati di gara.

Un settore particolarmente esposto anche da un punto di vista finanziario che non riuscirà a fare fronte a questa situazione senza un intervento specifico che possa accompagnarlo fino alla ripresa.

Ci auguriamo – conclude la nota – che il Governo abbia ben compreso la gravità della situazione e che già nella fase di conversione del Decreto Rilancio intervenga concretamente nella giusta direzione.