Emergenza Covid-19, CNA Trentino rilancia il ruolo dei tassisti per garantire spostamenti in sicurezza

La nuova ordinanza del 12 marzo del presidente della Provincia di Trento tra le varie cose introduce anche una riduzione del trasporto pubblico locale che viene bloccato nel week-end e, durante la settimana, viene effettuato secondo l’orario festivo con forte riduzione del numero delle corse.

“Sicuramente vi è meno mobilità delle persone – evidenza Andrea Benoni, presidente di CNA Trentino – però, al fine di favorire trasporti in sicurezza e senza che vi sia un ammassamento di persone, vogliamo ricordare che il servizio taxi è attivo”.

CNA del Trentino ha costituito 4 anni fa il consorzio di tassisti “Adige taxi”, convenzionato ed accreditato con la Provincia sul progetto MuoverSI. “Potrebbe essere una valida iniziativa – aggiunge Benoni – quella di proporre alla Provincia l’estensione del servizio MuoverSI a tutti i soggetti che necessitino di spostamenti per validi e giustificati motivi, come previsto dall’ordinanza provinciale”.

CNA del Trentino ritiene che questo possa essere un modo per garantire il trasporto pubblico personalizzato per chi ne ha bisogno e per dare un supporto ad una categoria come quella dei tassisti che è particolarmente penalizzata dalla riduzione degli spostamenti delle persone. In questo modo si diminuirebbe anche il contatto tra le persone in fase di trasporto, in linea con i precetti del contenimento Covid-19.