COVID-19 – Differimento Sorveglianza sanitaria dei lavoratori

In relazione all’attuale stato di emergenza e alla luce delle indicazioni governative, tenuto anche conto della necessità di dare un indirizzo comune alle aziende per quanto riguarda la gestione della sorveglianza, l?Azienda sanitaria dell’Alto Adige precisa quanto seguesegue:

Il servizio di Medicina del Lavoro non ha potere di sospensione obbligatoria dello svolgimento della sorveglianza sanitaria dei lavoratori lavoratori.

Tenuto conto della situazione e delle esigenze di contenere al massimo la diffusione dell’epidemia in atto, riteniamo opportuno e necessario differire l’esecuzione della sorveglianza sanitaria non urgente (visite periodiche) fino al 03.04.2020 come indicato dal Dpcm 9 marzo 2020 recante nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sul l’inter oterritorio nazionale.

Andranno mantenute le attività di sorveglianza sanitaria a carattere di urgenza necessarie a formulare l’idoneità nei casi non prorogabili (a titolo esemplificativo visite preventive / preassuntive, visite su richiesta del lavoratore, visita precedente alla ripresa del lavoro a seguito di assenza per motivi di salute superiore ai 60 giorni continuativi, donne in gravidanza o lavoratori ipersuscettibili di infezioni infezioni), comunque attenendosi rrigorosamente alle misure di prevenzione della diffusione delle infezioni per via respiratoria.

In questa fase, si ritiene necessario necessario incrementare l’attività di collaborazione dei Medici Competenti con le altre figure aziendali della prevenzione e di informazione, con particolare riferimento alla necessità di osservare con rigore le misure igieniche per le malattie a diffusione respiratoria (igiene delle mani edelle secrezioni respiratorie e limitazione contatti) e alle modalità di utilizzo dei DPI.