Contributi da utilizzare in compensazione fiscale: entrata in vigore di alcune delle modifiche introdotte dalla Giunta trentina

La Provincia autonoma di Trento, dapprima con deliberazione del 28 maggio 2021 n. 915 e in seguito con deliberazione del 26 novembre 2021 n. 2049, ha modificato i Criteri per la concessione di contributi da utilizzare in compensazione fiscale.
Una prima operativa di alcune modifiche è già stata introdotta nei mesi precedenti.
Da venerdì 3 dicembre 2021 saranno rese operative ulteriori modifiche. Ecco di seguito quali sono.

Le modifiche in vigore da venerdì 3 dicembre 2021

1. la nuova sezione F – aiuti per la promozione della ricerca e sviluppo con la possibilità per l’anno 2021 di presentare spese sostenute anche dopo i 18 mesi precedenti la data di presentazione della domanda e comunque entro l’1 gennaio 2020;

2. nuove possibilità di determinazione dell’importo di spesa ammissibile in domanda come segue:
– per le imprese costituite nel triennio precedente la data di presentazione della domanda di contributo, compreso il 2020 (anno pandemico), è stato previsto che l’importo di spesa massima ammissibile sia pari a 200 mila euro o, in alternativa, equivalente al capitale sociale dell’impresa moltiplicato per 5, entro comunque un tetto massimo di 400 mila euro (come già avviene per le imprese con meno di 3 esercizi chiusi o nessuno esercizio chiuso alla data di presentazione della domanda di contributo);
– possibilità di considerare nel calcolo l’esercizio finanziario 2019 in sostituzione dell’esercizio finanziario 2020;

3. il nuovo calcolo di contributo per spese relative all’attestazione di verifica (con nuove soglie) nella misura pari al 90% della spesa sostenuta per l’attestazione di verifica

Maggiori informazioni sono disponibili nell’apposita sezione del sito #RipartiTrentino:
https://ripartitrentino.provincia.tn.it/Misure/Misure-attive/CONTRIBUTI-DA-UTILIZZARE-IN-COMPENSAZIONE-FISCALE