CNA contro la guerra, appello al dialogo

I vertici di CNA Trentino Alto Adige si uniscono a quelli della Confederazione nazionale nell’esprimere tutta la propria “vicinanza e solidarietà all’Ucraina per il dramma umanitario che sta vivendo, e un forte appello per la massima mobilitazione a favore del dialogo per trovare soluzioni in nome della pace e della civile convivenza tra i popoli”.

“Il conflitto sta provocando pesanti ricadute a livello globale e il nostro Paese è tra i più esposti per il rilevante interscambio con i paesi coinvolti nel conflitto. Sono già ben visibili gli effetti sui costi energetici e nell’approvvigionamento di molte materie prime, dalla meccanica alla filiera agroalimentare, nonché nelle difficoltà che incontrano le imprese anche della nostra regione esportatrici e non solo” commenta il presidente Claudio Corrarati.

A livello nazionale CNA sta predisponendo in queste ore un’indagine per misurare in profondità e quantificare gli effetti della guerra sul tessuto delle imprese, in modo da poter elaborare e presentare al Governo proposte concrete, grazie alla partecipazione dei rappresentanti della Confederazione alla task force istituita presso il Ministero dello Sviluppo Economico, appositamente costituita per valutare i contraccolpi del conflitto e assistere le imprese in questa delicata fase. 

Tante le meritevoli iniziative di solidarietà avviate anche nella nostra regione a favore dei cittadini ucraini.  “Siamo certi che le nostre imprenditrici e i nostri imprenditori non faranno mancare sostegno e supporto per alleviare le profonde sofferenze”, così in conclusione il presidente Corrarati.