Autotrasporto. Situazione Brennero: il Tirolo zona ad altissimo rischio Covid. Obbligo di tampone anche per gli autisti

CNA Fita Autotrasporto informa che dalla giornata di ieri, le autorità austriache impediscono l’accesso nel territorio austriaco a tutti i veicoli i cui conducenti che siano sprovvisti di certificato attestante la negatività al Covid-19, tramite tampone (PCR o Antigenico), effettato nelle 48 ore precedenti. In assenza di tale certificato, i veicoli diretti in Austria dovranno proseguire verso il valico di Tarvisio, attraverso la A4 e la A23. Questo perché il Tirolo è stato classificato dalle autorità tedesche come “zona ad altissimo rischio Covid”. Ogni autista che entra in Austria o in Germania attraverso il Tirolo deve disporre di un test Covid negativo. E’ inoltre obbligatoria la registrazione su https://www.einreiseanmeldung.de/#/ prima di fare ingresso in Germania.

In relazione alla suddetta limitazione, allo scopo di evitare che si determinino situazioni di congestione del traffico in prossimità del confine di Stato del Brennero, dalle ore 3 del 15 febbraio 2021, lungo la A22, sono stati attivati filtri a Verona ed ad Affi in direzione Brennero a cura della Polizia Stradale.

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministro della Difesa e il Ministro dell’Interno hanno concordato di allestire, a partire da oggi, postazioni per effettuare i test agli autotrasportatori. I kit per i test sono stati inviati al “Drive Through Difesa” in via di realizzazione in prossimità del Brennero, sotto il coordinamento del Prefetto, Commissario di Governo per la Provincia Autonoma di Bolzano. Anche la Protezione Civile è stata allertata per il necessario supporto e la Polizia Stradale assicura tutti i servizi necessari. La Provincia Autonoma di Bolzano sta predisponendo altre postazioni nelle quali effettuare i test in prossimità del valico. Ulteriori postazioni verranno eventualmente attivate in funzione dell’evoluzione della situazione. Maggiori informazioni sono disponibili al Link

Seguiremo l’evolversi della situazione e vi terremo aggiornati.

Iscriviti alla newsletter