Autotrasporto – Scadenzario documenti conducenti e veicoli

La pandemia, la conseguente emergenza sanitaria, ha determinato conseguenze non soltanto sulle opportunità di lavoro e sul risultato economico ma ha anche reso problematiche le attività di rinnovo di validità dei documenti necessari per la guida dei veicoli pesanti e di tutte le autorizzazioni ed adempimenti vari relativi alla loro regolare circolazione. Costante ed intensa è stata l’attività per segnalare la necessità ed ottenere la proroga di validità delle patenti di guida, delle Carte di qualificazione del Conducente (CQC), e di tutti gli innumerevoli certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni ed atti abilitativi comunque denominati, fondamentali per il regolare esercizio dell’attività.

Un impegno rivolto non soltanto al livello nazionale ma anche all’Unione Europea al fine di ottenere il mutuo riconoscimento delle proroghe attuate dai vari Stati colpiti dal COVID-19. Il risultato, anche se non troppo tempestivo, è stata la pubblicazione del Regolamento UE n°2020/698 del 25 maggio 2020 con il quale sono state adottate misure specifiche e temporanee applicabili al rinnovo ed alla proroga del periodo di validità di taluni certificati, licenze ed autorizzazioni, nonché il rinvio di determinate verifiche ed attività di formazione ed addestramento.


Il sovrapporsi di interventi normativi nazionali e di livello europeo, se da una parte hanno consentito lo svolgimento della professione, dall’altra hanno determinato un vero e proprio labirinto entro il quale potrebbe essere difficile orientarsi per comprendere l’effettiva validità dei documenti necessari per la guida e la circolazione dei veicoli.

Per tale motivo, nel documento che si allega, si è cercato di fare sintesi di tutta l’articolata normativa che, alla data di predisposizione del  documento (13.08.2020), determina la validità dei più volte richiamati documenti di guida e circolazione riportandone le relative scadenze; un quadro che può essere propedeutico anche per programmare coerentemente la relativa attività di formazione ( CQC, ecc.).  

Visto il continuo evolversi normativo, al fine dell’effettivo riscontro della loro validità, si sottolinea però la necessità di essere attenti ad eventuali, successive e difformi disposizioni in materia che ne modifichino i termini. 

Infine,  abbiamo ritenuto utile richiamare quelle che sono le attività indifferibili che il personale degli Uffici della Motorizzazione Civile deve rendere e garantire in presenza ( Circ. MIT n°2999 dell’8 Maggio 2020).

Ci auguriamo che venga pubblicato in G.U. il c.d. Decreto “Agosto” e conseguentemente venga diffuso il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate che rende ufficiale ed utilizzabile l’importo delle deduzioni forfetarie.

SCADENZARIO